Blog - whats new?

La Biscotta

Bis-cotta vuol dire cotta due volte. È un prodotto da forno tipico del Sannio, della Valle Vitulanese in particolare. È una piccola pagnotta di pane cotta, rigorosamente in forno a legna, dove viene, successivamente, lasciata per la biscottatura: “il fuoco deve morirci sopra” dicono i nonni. 

remove_red_eye 511 views

Lo Struppolo della “mastra” di San Salvatore Telesino

Lo Struppolo è una frittella salata tipica del comune di San Salvatore Telesino, annoverata tra i prodotti tradizionali della Regione Campania. Le sue origini sono incerte e molto antiche. Di certo si sa che ogni famiglia a San Salvatore ha la sua ricetta tramandata di generazione in generazione. 

remove_red_eye 1420 views

Cautano: la leggenda di San Rocco e la peste.

Era l’anno 1656 e, in tutto il Sannio, la peste nera diffondeva terrore e mieteva vittime. Nel piccolo comune di Cautano, nel cuore della Valle vitulanese, avvenne un fatto strano tramandato nei secoli sino a noi. 

remove_red_eye 512 views

Ammugliatielli: il piatto tipico della Pasqua sannita

Piatto tipico che impreziosisce, ancora oggi, le tavola pasquali degli abitanti del Sannio con le interiora dell’agnello.

remove_red_eye 1048 views

Coppetta Dolce Vitulanese

Questo dolce è tipico della nostra Valle ed è degustabile ogni anno, nel comune di Vitulano, durante la sagra della castagna. 

remove_red_eye 731 views

Pasta e Fagioli Sannita

La pasta e fagioli è un piatto tipico della cultura sannita. In passato il fagiolo piccolo e bianco presente nell’entroterra campano ha costituito nelle famiglie contadine la principale fonte di proteine, sostituendo la carne per secoli. Caratterizzati da un sapore dolce e una consistenza cremosa i fagioli teneri e bianchi sono la base di moltissime ricette tra cui il pancotto, la minestra maritata e la pasta e fagioli.

remove_red_eye 602 views

Foglianise

Dalla venerazione di San Rocco presso la piccola Cappella risalente al 1579 origina, la tradizionale Festa del Grano: antica contesa tra i locali maestri della paglia organizzati in contrade, che il 16 agosto di ogni anno, anima le vie del paese con la sfilata dei "carri di grano". La manifestazione è aperta dalle “pacchiane”, donne del popolo, abbigliate in costumi tradizionali, con in testa la “regna”, tradizionale cesto di grano, trasportato in equilibrio con eccezionale maestria ed abilità.

remove_red_eye 874 views

Cautano

Composto da tre originari Casali (Cautano, Cacciano e Fornillo) unificati nel 1851 ma che affondano le proprie radici nel Sannio antico. Il nome riconduce alla Città di Caudium e a un gruppo di pastori, esuli dalla distruzione del centro sannita, insediatisi, poi, in una suggestiva gola che penetra il monte Taburno regalando al visitatore panorami mozzafiato tra antiche cave di pietra, sorgenti di acqua pura e ampie lande di montagna.

remove_red_eye 853 views

Castelpoto

Il nome del centro è ormai sinonimo di salsiccia rossa che costituisce la produzione principale di Castelpoto, rigidamente disciplinata dal presidio Slowfood e dal locale Consorzio costituito nel 2007 tra i produttori allo scopo di tutelarne e garantirne la tracciabilità. Photo Credit Stefano Caporaso 

remove_red_eye 680 views

Torrecuso

Terra di preziosi vitigni di Aglianico, Piedirosso, Falanghina, Coda di Volpe dai quali originano pregiati vini prodotti nelle 23 cantine dislocate sul territorio comunale: piccoli produttori, sempre più affermati sul panorama nazionale e internazionale, impreziosiscono la ormai famosa manifestazione settembrina di Vinestate.  Photo Credit Stefano Caporaso 

remove_red_eye 1131 views